Il nuovo Consiglio direttivo

Si è insediato oggi il nuovo Consiglio direttivo dell'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, nominato in attuazione dell'art. 111 del codice antimafia, come modificato dalla legge 161/2017 che ne ha ampliato la composizione e compiti.

Il nuovo Consiglio direttivo è presieduto dal Direttore dell'Agenzia ed è composto da: due magistrati, di cui uno designato dal Procuratore Nazionale Antimafia, un rappresentante del Ministero dell'interno, due esperti in gestioni aziendali e patrimoniali ed un esperto in materia di progetti di finanziamenti europei e nazionali. Il Consiglio direttivo inizia la propria attività in un fase particolarmente sfidante dell'azione dell'Agenzia.

L'ANBSC ha avviato una profonda riorganizzazione, nel 2017 ha conseguito risultati particolarmente significativi nelle destinazioni dei beni immobili, sta definendo il calendario di 11 Conferenze di servizi per l'acquisizione di manifestazioni d'interesse alla destinazione di quasi 2.500 beni e sta portando avanti un complesso di iniziative finalizzate al miglioramento delle gestioni aziendali.